*** SPEDIZIONI RAPIDE E GRATIS IN TUTTA ITALIA ***

Il Rhaphiolepis indica

Postato da Maria Luisa Strippoli il

Rhaphiolepis indica è un arbusto perenne sempreverde della famiglia delle Rosaceae, originario dell’Estremo Oriente (Cina, Giappone e Corea). Viene chiamato popolarmente ‘Finta rosellina’, visto che sul fogliame, lucido, coriaceo, per tutta la primavera sbocciano a profusione piccoli fiori stellati, riuniti in infiorescenze a corimbo, rosa o bianchi. Seguono dei frutti neri, che ricordano i mirtilli o piccole mele nere. I frutti sono eduli una volta cotti, utilizzabili per confetture. Anche il tronco e i rami hanno caratteristiche ornamentali grazie alla corteccia, dapprima bruno violacea, che vira poi verso il grigio. In giardino, si utilizza per aiuole, bordure e siepi basse.

La crescita è piuttosto lenta, e ci vogliono diversi anni per raggiungere circa 100-150 cm.

Preferisce posizioni in pieno sole o con ombra leggera; il terreno deve essere neutro e ben drenato, visto che il ristagno è probabilmente il nemico peggiore. Solo durante la fioritura e con temperature molto elevate gli interventi devono essere intensificati.

Non è perfettamente rustico: in zone dove le temperature scendono sotto lo zero, è meglio coltivarlo in vaso e ricoverarlo nei mesi invernali in locali non riscaldati ma luminosi.

Curiosità

In Giappone questa pianta si utilizza da secoli per ottenere un colorante per la seta, un marrone scuro di grande effetto, che si ottiene facendo bollire la corteccia o le radici, con l’utilizzo poi di un mordente.

← Post più vecchio Post più recente →